Giardini Calipari di Piazza Vittorio Emanuele II, Roma

Meno di un anno fa, il 30 novembre 2020, sono stati riaperti al pubblico i Giardini Nicola Calipari, in Piazza Vittorio Emanuele II a Roma. Il progetto di riqualificazione è stato frutto di una proficua collaborazione tra agronomi, architetti, ingegneri, restauratori della Sovrintendenza Capitolina e di una condivisione con le associazioni di quartiere, a seguito di un Protocollo d’Intesa firmato tra l’assessorato ai Lavori pubblici, l’assessorato al Verde, il I municipio e il FAI. L’obiettivo principale è stato quello di restituire il giardino ai suoi cittadini rendendolo funzionale e fruibile per tutti.
L’intervento di restauro del verde ha previsto la conservazione delle 280 piante dell’originario piano botanico ottocentesco e la piantumazione di 42 nuovi alberi, 17 palme, 450 piante decorative, 250 arbusti da fiore provenienti da tutto il mondo. Sono state create due nuove aree gioco per i bambini, un’area cani attrezzata e sicura, degli spazi ludici per il gioco del ping pong, del basket e del calcio.
 

Galleria delle immagini

LE SOLUZIONI ACO

Il Dipartimento Lavori Pubblici ha riqualificato tutto il sistema di smaltimento delle acque piovane, scegliendo le soluzioni e la consulenza tecnica di ACO.
Nella grande piazza centrale, nascosti tra le linee geometriche delle lastre in travertino, scorrono le sottili linee delle caditoie a fessura in acciaio zincato e in classe C250 poste sui canali ACO Self Euroline 150 in calcestruzzo polimerico. Soluzione di drenaggio lineare che ritroviamo anche in prossimità della nuova Fontana degli Zampilli e lungo i camminamenti lastricati in travertino, per un totale di circa 70 metri. 

La Fontana del Rutelli

Il progetto ha previsto la realizzazione su misura di una particolare soluzione di drenaggio per una delle fontane che sorgono all’interno dei Giardini: la Fontana del Rutelli, anch’essa oggetto di restauro. Lungo il suo perimetro di 36 metri, sono stati installati i nostri canali Mufle EASY 100, sormontati da caditoie a fessura calandrate in acciaio zincato, da 10 cm di altezza e con profilo a “T”.
Un bellissimo esempio di lavorazione “custom” compiuta dalla nostra squadra tecnica per rispondere in modo efficace e puntuale alle richieste della committenza.

Lungo i vialetti pedonali sterrati, rivestiti di inerti e strati di coccio pesto, sono stati posti, invece, i canali ACO Multiline V150 da 210 mm di altezza, con griglia a ponte in ghisa in classe C250, per un totale di 100 metri lineari. In queste aree, dove più fitta è la vegetazione e più probabile il rischio di ostruzione delle caditoie, si è preferito installate canali grigliati in calcestruzzo polimerico, onde evitare frequenti interventi di manutenzione delle caditoie.

Ritroviamo, invece, il sistema a fessura lungo il perimetro della Casina liberty, un tempo rimessa dei giardinieri e che oggi ospita un bistrot.

Download

TOP